DoctorWine sceglie FISAR per la presentazione della Guida Essenziale 2018 a Roma

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

Si è appena conclusa la tappa romana per la presentazione della “Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2018” (le altre sono state Milano 1/10 e Londra 10/10) che, per il terzo anno consecutivo, ha visto protagonisti i sommelier della nostra Delegazione.

Una bella serata con grandi vini quella di domenica 15 ottobre all’Hotel Parco dei Principi di Roma, che ha visto protagonisti ben 24 tra i nostri professionisti migliori coinvolti ai banchi d’assaggio. Una serie di etichette davvero incredibile, a piazzarsi infatti al vertice della guida sono cinque vini di grande spessore:

Il Barolo Monfortino Riserva 2010 di Giacomo Conterno (Piemonte) primo assoluto con un punteggio di 100/100, seguito da quattro vini con punteggio 99/100 (Barbaresco Crichet Pajé 2007 di Roagna I Paglieri; Barolo Riserva 2010 di Borgogno; Brunello di Montalcino Vecchie Vigne 2012 di Siro Pacenti e Masseto 2014 di Ornellaia).

Un’altra grande manifestazione per i grandi vini italiani e un’altra occasione per mettere in mostra la professionalità e la bravura dei nostri sommelier!

Ancora grazie agli organizzatori per la fiducia e… arrivederci al prossimo anno!

Fisar Roma, una settimana tra Gambero e Riesling

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

Tanti e importanti gli impegni per la Delegazione Fisar Roma ad Ottobre. Il mese delle presentazioni delle guide, per noi ha significato – tra l’altro – una settimana in compagnia del Gambero Rosso. Primo evento che ci ha visto coinvolti la premiazione della guida “Ristoranti d’Italia”, le famose Tre Forchette, che ha raccolto nelle sale dello Sheraton Roma Hotel, sede della nostra Delegazione, un pubblico selezionato di circa 150 persone. Nella serata di lunedì 12 ottobre i nostri sommelier hanno gestito l’aperitivo e il banco d’assaggio, mettendo in mostra la qualità del servizio raggiunta in anni di esperienza. Ancora Roma protagonista, ma cooptando le consorelle vicine visto l’alto numero di sommelier richiesti, per il grande e prestigioso banco d’assaggio dei Tre Bicchieri di sabato 17 ottobre, in contemporanea con il Congresso Nazionale Fisar di Milano, sempre allo Sheraton Hotel. Ben 60 i sommelier coinvolti, con quelli di Roma e Castelli Romani a coprire per oltre la metà le richieste (compatibilmente con la partecipazione al Congresso Nazionale) e in aggiunta i colleghi delle Delegazioni de L’Aquila, Manziana, Viterbo, Orvieto, Sabaudia e Latina. Una prova organizzativa importante per il nostro Gruppo Servizi che ha coordinato al meglio, con professionalità e serietà, tutti i colleghi intervenuti ottenendo un grande successo per la Fisar.

Una settimana da protagonisti, per i nostri sommelier, su uno dei palcoscenici più prestigiosi dell’enogastronomia nazionale come quello del Gambero Rosso, completata da una partecipatissima (oltre 80 persone presenti in sala) degustazione di 20 Riesling alsaziani venerdì 16 ottobre, sempre allo Sheraton Hotel, sotto la guida del nostro Antonio Mazzitelli.

Assemblea Nazionale Fisar – Milano 17-18 ottobre

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

Cari soci,

come ben sapete sabato 17 e domenica 18 ottobre a Milano si svolgerà l’Assemblea Nazionale della Fisar, utile anche al rinnovo delle cariche sociali.

La nostra Delegazione sarà presente per sostenere da una parte Fabio Ciarla, candidato alla carica di Consigliere Nazionale, e dall’altra per fare il tifo per Piero D’Acunto e Riccardo Roselli, in gara per il titolo di Miglior Sommelier d’Italia Fisar 2015 Trofeo Rastal.

Piero D'Acunto e Riccardo Roselli
Piero D’Acunto e Riccardo Roselli

Si tratta di un appuntamento molto importante, dal quale passa la crescita della Federazione e il miglioramento della nostra stessa Delegazione.

Grazie a tutti quanti hanno deciso di partecipare a questi sforzi in ogni modo, da chi si è preso l’impegno di andare a Milano, investendo tempo e risorse, fino a chi ha sostenuto la Delegazione fornendo la propria Delega al voto, segno tangibile di vicinanza.

Di seguito, per opportuna conoscenza, il Programma (presente anche nel cloud del sito nazionale) sul quale verterà l’impegno di Fabio Ciarla nel caso, e lo speriamo vivamente, risultasse eletto al Consiglio Nazionale.

 

Ciarla Fabio – Delegazione di ROMA e CASTELLI ROMANI 

Fabio Ciarla - Fisar Roma
Fabio Ciarla

Programma per la candidatura al Consiglio Nazionale 2015 (Formato PDF)

 

Perché la FISAR?

Perché sono da sempre nel mondo del vino per questioni familiari ma finora non avevo ancora trovato il mio spazio, così dopo gli enologi (i fratelli Ada e Valentino con esperienze internazionali) era ora di inserire nella famiglia Ciarla anche un sommelier. La scelta di Fisar si è basata sulla concretezza della proposta, i pochi fronzoli, la convivialità. Elementi che saranno alla base del mio operato, dentro o fuori il Consiglio Nazionale.

La comunicazione è il mio mestiere da sempre, il programma operativo che ho pensato è quindi fortemente orientato “da” e “verso” quello che penso di saper fare meglio. Tuttavia in base alla mia esperienza, e ai contatti avuti con soci di tutta Italia, ho messo in campo anche idee più ampie. Il tutto raccolto in tredici punti, alcuni non del tutto nuovi e quindi già pienamente condivisi. Il che fa ben sperare per l’operatività e la concretezza del nuovo Consiglio Nazionale che uscirà dall’Assemblea Elettiva 2015

1) Riorganizzazione e coordinamento degli strumenti di comunicazione

Vanno fornite linee guida per i siti internet e per le presenze sui Social Network delle Delegazioni, al fine di favorire un’immagine coordinata e coerente della Federazione. Per raggiungere i risultati migliori propongo di realizzare un piccolo “manuale d’uso”, o almeno dei punti imprescindibili, da distribuire ai delegati oltre alla nomina di un responsabile in seno al Consiglio Nazionale per questo specifico compito, che possa fare da riferimento e supporto per le delegazioni e verificare l’applicazione delle linee guida.

Inoltre sarà bene rivedere e ammodernare lo stesso sito internet della Federazione, anche tramite l’incremento della parte editoriale con articoli e approfondimenti delle Delegazioni

2) Roma e il centro Italia rappresentano un bacino troppo importante per non investire energie e tempo nella creazione di eventi e programmi che possano imporci all’attenzione dei media e degli appassionati. La situazione delle associazioni nostre concorrenti ci pone nella posizione di poter aspirare a far valere le nostre capacità e la nostra concretezza, dobbiamo sfruttarle al meglio per non perdere un’occasione irripetibile. Oltre a difendere le nostre posizioni dove siamo stati “attaccati” in modo diretto

3) Ampliare l’attività di ufficio stampa e fornitura contenuti per i media

Abbiamo al nostro interno professionalità in grado di fornire contributi di alto livello nel settore dell’enogastronomia, trovare e stringere rapporti in qualità di “service” su questi aspetti può essere un grande veicolo di visibilità a fronte di un piccolo sforzo

4) Creare nuovi rapporti di collaborazione e sponsorizzazione nel mondo dell’enologia

Grazie alla mia esperienza e ai rapporti stretti negli anni nel settore delle tecnologie per l’enologia, ho potuto constatare la voglia di confrontarsi di moltissime aziende che producono per il settore vitivinicolo. Si tratta di spazi utili per aumentare la preparazione dei sommelier e trovare nuove forme di sponsorizzazione per eventi e comunicazione

5) Video-degustazioni in streaming

Grazie alle nuove tecnologie e al sostegno di aziende produttrici o fornitrici (vedi punto 4) è possibile realizzare eventi di grande visibilità a basso costo come le degustazione online in streaming, gestite dalla sede nazionale e partecipate in diretta nelle Delegazioni che vorranno aderire con possibilità di interventi, registrazione della sessione ecc.

6) Ampliamento presenza e spazi regionali della rivista Il Sommelier 

Insieme alle tematiche di ampio respiro, la rivista ufficiale potrebbe dedicare più spazio alle iniziative, ai focus, alle convenzioni delle singole regioni con contenuti pre-approvati

7) Realizzare programmi di gemellaggio tra le varie Delegazioni 

Per raggiungere l’omogeneità interna serve anche il confronto diretto. Inoltre gli incontri periodici tra le Delegazioni, con visite in aziende e approfondimenti sui vitigni autoctoni di ciascuna zona, sono utili per stringere rapporti stabili e diventano momenti di crescita

8) Creazione di un rapporto stabile con l’AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue) con lo sviluppo di iniziative comuni su alimentazione, consumo responsabile, salute ecc. e uno sconto sull’iscrizione ai corsi per sommelier riservato ai soci AVIS, soggetto quest’ultimo di grande autorevolezza e con una ottima presenza territoriale

9) Incremento e ampliamento delle convenzioni sia territoriali sia nazionali

10) Aumento della partecipazione dei soci, soprattutto al di fuori dei corsi, tramite il coinvolgimento in eventi periodici realizzati con un format nazionale replicabile

11) Rendere itinerante il Consiglio Nazionale e collegarlo ad eventi che possano far sentire sul territorio la presenza forte della Federazione in appoggio alla Delegazione ospitante

12) Istituzione di un master di formazione superiore per sommelier per selezionare un gruppo di soci in grado di presenziare e rappresentare la Federazione ai massimi livelli

13) Incremento dei contatti e dei rapporti di tipo lavorativo con aziende, società di selezione del personale ecc. al fine di rendere il percorso formativo in Fisar anche una modalità concreta di collocamento professionale

Expo 2015: sommelier FISAR protagonisti al Padiglione Vino!

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin
Sommelier Fisar Padiglione Vino EXPO 2015
Sommelier Fisar Padiglione Vino EXPO 2015

(dal Nazionale)

Sabato 23 maggio 2015 si è inaugurato il “Padiglione del Vino Italiano” all’interno del maestoso spazio Padiglione Italia ad EXPO 2015. Il padiglione verrà visitato da circa 25 milioni di persone.

Grazie al Delegato di Monza/Brianza, Francesco Gualtieri (nella foto al centro), i nostri sommelier sono stati scelti per la gestione dell’importante e significato “Italian Wine Pavilion”.

Attualmente sono impegnati sommelier provenienti dalle Delegazioni di Monza/Brianza, Milano, Milano Duomo, Napoli/Comuni Vesuviani e altre Delegazioni dell’Italia Nord Ovest capitanati da Marcello Milo (nella foto al centro) della Delegazione di Monza/Brianza.

“Un altro importante e significativo momento che vede la nostra associazione impegnata nella più importante kermesse a livello mondiale – dichiara il Presidente Nazionale Giorgio Pennazzato. La presenza costante dei nostri sommelier per tutti i sei mesi di EXPO, consolida la nostra immagine di qualità, serietà e professionalità in Italia e ci proietta definitivamente quali ambasciatori del vino italiano nel mondo”.

 

Ufficio Stampa Nazionale FISAR