A Frascati una degustazione molto “ospitale”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Sabato 2 febbraio a Frascati, nella bellissima struttura delle Mura del Valadier (ancora poco conosciuta ma davvero funzionale), la Fisar Roma e Castelli Romani è stata protagonista di uno degli appuntamenti di approfondimento sul vino realizzati nell’ambito di “Terre Ospitali in Festa”. O meglio, come sempre nelle nostre attività, ad essere protagonisti sono stati i vini e i cinque produttori presenti all’appuntamento, guidato dal nostro relatore Fabio Ciarla.

In degustazione c’erano il Frascati Doc “Terre del Casale” 2017 di Casale Mattia, i Frascati Superiore Docg “Racemo” 2017 e “Villa dei Preti” 2017, prodotti rispettivamente dall’azienda L’Olivella e dall’azienda Villa Simone, per poi passare al Lazio IGP Vermentino 2017 di Tenuta Santi Apostoli e chiudere con il Cannellino di Frascati Docg 2016 di Casale Minardi.

Una carrellata nelle differenze produttive di vini che hanno un loro carattere specifico, pur mantenendo viva l’espressione fresca di queste terre vulcaniche. Interessanti le parole dei produttori, in particolare nell’individuazione ormai del bilogico come fattore importante a livello di produzione ma anche di scelta etica.

Un’esperienza davvero gratificante, anche per la curiosità dimostrata dal pubblico, accolto con una descrizione del vigneto Lazio e poi coccolato con cinque vini davvero ottimi e in splendida forma, contrariamente a quanti pensano di dover bere i bianchi italiani solo e sempre dell’annata in corso. Anzi, tutti e quattro i vini secchi degustati a Terre Ospitali (escludendo quindi il Cannellino che ha vita propria) hanno dimostrato di essere per certi versi ancora in fase crescente.

Grazie quindi agli organizzatori che ci hanno voluto coinvolgere e a presto, la spinta innovatrice del progetto farà sicuramente del bene anche all’enologia del territorio e la nostra Delegazione Fisar, che porta nel nome e nei fatti sia Roma sia i Castelli Romani, cercherà di dare il proprio contributo in tutti i modi possibili.

DEGUSTAZIONE – IGT I Giovani Terribili

IGT – I Giovani Terribili

L’AGLIANICO DEL VULTURE DI ELENA FUCCI, L’ABRUZZO DI VALENTINA DI CAMILLO (TENUTA I FAURI) E LE SPERIMENTAZIONI DI ROCCO TOSCANI (Az. Agr. Toscani)

Venerdì 25 gennaio alle ore 20 allo Sheraton Roma Hotel dell’EUR conosceremo tre territori italiani nella visione di tre giovani produttori. Storie diverse, spesso opposte, ma con un denominatore comune: l’innovazione
La Delegazione Fisar Roma e Castelli Romani apre il ciclo di degustazioni del 2019 con un appuntamento a tre voci. “IGT – I Giovani Terribili” vuole essere un richiamo all’innovazione insita nelle nuove generazioni, ma anche un’idea di quello che possono fare i giovani per risollevare o modificare la strada intrapresa da un territorio, una denominazione o uno specifico vino.

Valentina Di Camillo di Tenuta i Fauri (Ari – Chieti), Rocco Toscani di Az. Agr. Toscani (Casale Marittimo – Pisa) ed Elena Fucci di Az. Agr. Elena Fucci (Barile – Potenza) ci faranno conoscere la loro visione del vino e dei loro territori attraverso una degustazione a più voci. A parlare saranno comunque innanzitutto i vini, due per ognuno dei giovani produttori, scelti per rappresentare al meglio cosa vogliono trasmettere Valentina, Elena e Rocco attraverso il loro lavoro.

Vi aspettiamo numerosi per una serata unica, senza precedenti sia per la squadra in campo sia per i vini in degustazione.

 

IN DEGUSTAZIONE

Lolì 2018 (Anteprima) – Az. Agr. Toscani

Abruzzo Doc Pecorino 2017 – Tenuta i Fauri

Ottobre Rosso Montepulciano d’Abruzzo Doc 2017 – Tenuta i Fauri

Lumeo Toscana Rosso IGT 2016 – Az. Agr. Toscani

Titolo Aglianico del Vulture Doc 2016 – Az. Agr. Elena Fucci

Titolo Aglianico del Vulture Doc 2015 – Az. Agr. Elena Fucci

 

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

quando / VENERDÌ 25 GENNAIO 2019 DALLE ORE 20 (inizio registrazione ore 19.30)

dove / SHERATON ROMA HOTEL, VIALE DEL PATTINAGGIO 100 – ROMA

costo / 25 EURO, RIDOTTO A 20 EURO PER I SOCI FISAR

prenotazione obbligatoria / VIA MAIL A prenotazioni@fisar-roma.it (specificare se si è soci e fornire un numero di telefono cellulare)

Festa FISAR a Roma, il nuovo Presidente Luigi Terzago: “La mia missione sarà il riconoscimento della figura lavorativa del sommelier in Italia”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Il 12 e 13 gennaio nella Capitale si è svolta la seduta di insediamento del nuovo Consiglio Nazionale della Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori

Oltre 70 i sommelier di Roma e dei Castelli Romani che hanno ricevuto l’ambito Tastevin durante una serata di gala con 150 ospiti nella Tenuta di Fiorano

 

Si sono conclusi domenica 13 gennaio i lavori della seduta di insediamento del nuovo Consiglio Nazionale della FISAR, la Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori, che ha scelto Roma come sede simbolica per l’inizio di un percorso di avvicinamento ai 12.000 soci suddivisi in oltre 60 Delegazioni territoriali sparse in Italia. Il nuovo Presidente Luigi Terzago, in carica dall’1 gennaio 2019 dopo aver vinto le elezioni a fine ottobre, è stato accolto con grande soddisfazione dalla Delegazione di Roma e Castelli Romani, che ha organizzato sabato 12 gennaio una cena di gala alla Tenuta di Fiorano per la consegna dei diplomi degli ultimi quattro corsi conclusi a fine anno. Oltre 70 i neo sommelier che hanno ricevuto la pergamena e soprattutto il simbolo del sommelier, il Tastevin, direttamente dal Presidente e alla presenza del Consiglio Nazionale. Una serata da oltre 150 ospiti che è servita anche per fare un piccolo quadro delle eccellenze enogastronomiche del Lazio, grazie alla cucina (in trasferta) del ristorante “La Parolina” di Trevinano della chef Iside De Cesare, 1 stella Michelin e tante materie prime locali nel menu, e ai vini della Tenuta di Fiorano del Principe Alessandrojacopo Boncompagni Ludovisi, presente alla cena insieme ad altri due produttori, Marco Carpineti di Cori e Fabrizio Santarelli (Castel De Paolis) di Grottaferrata, chiamati anche loro a raccontare il meglio della produzione enologica laziale.

Un appuntamento che ha rinsaldato il rapporto tra Delegazione di Roma e Castelli Romani, guidata dallo scorso aprile da Angela Maglione e giunta ormai al 25simo anno di attività, e la FISAR Nazionale. Una spinta a fare di più e meglio che non mancherà di stimolare il lavoro sulla Capitale e nei territori limitrofi, dove sono ripartiti altri quattro corsi di primo livello – con oltre 150 iscritti – tra settembre e novembre, e altri tre sono in programmazione con partenze tra febbraio e marzo. A settembre prossimo è invece già previsto il nuovo corso di Marino, sempre nel Salotto del Vino della storica cantina cooperativa Gotto d’Oro, che ha intravisto nella collaborazione con i sommelier FISAR un passaggio importante del proprio percorso di crescita.

Durante la serata del 12 gennaio si sono tenuti anche altri due momenti importanti, il primo ha visto la consegna di una targa da parte del Consiglio Nazionale al Delegato storico e fondatore della sede di Roma Filippo Terenzi, mentre il secondo ha avviato il nuovo percorso di affiliazione con la consegna della targa di “Locale Associato FISAR” all’Hotel Lido Garda di Anzio.

Una serata ricca di spunti, durante la quale Luigi Terzago ha sottolineato alcune delle prerogative del suo mandato: “La mia missione – ha detto il Presidente Nazionale FISAR – è quella di far riconoscere il ruolo del sommelier in Italia. In un Paese che è ormai solidamente il primo produttore di vino al mondo non è concepibile che non esista la figura lavorativa del nostro settore. La cosa mi sta a cuore e vorrei portarla avanti, sperando di riuscire nell’intento, collaborando con le strutture politiche preposte”.

“Si è voluto partire da Roma per la prima riunione del nuovo Consiglio Nazionale – ha chiarito ancora Terzago – proprio perché è la Capitale ed è anche il centro geografico italiano, avremo l’opportunità poi di andare anche in altri territori ed è già programmato un percorso che ci vedrà nelle Marche, in Toscana e in Veneto per raggiungere poi tutte le regioni italiane. Roma non poteva che essere l’inizio di questo nuovo percorso di Fisar Nazionale per essere vicina ai soci e alle Delegazioni”.

“Siamo felici per la riuscita di un appuntamento così importante – ha commentato in conclusione la Delegata di Roma e Castelli Romani Angela Maglione -, Roma e il Lazio sono stati messi al centro della sommellerie italiana grazie alla presenza del Consiglio Nazionale FISAR, che ringrazio ancora per il segnale di vicinanza al territorio e soprattutto ai singoli soci. La scelta, simbolica ma anche stimolante, di iniziare proprio dalla Capitale ci spinge a impegnarci ancora di più con i corsi di formazione e gli eventi, un obiettivo che vogliamo raggiungere continuando a lavorare come in una grande squadra composta sì di un Delegato e di un Consiglio di Delegazione, ma che si regge su direttori di corso, sommelier attivi, relatori e soprattutto sui soci”.

 

———————————————————————
FISAR ROMA E CASTELLI ROMANI

La Delegazione Autonoma Fisar Roma e Castelli Romani opera sul territorio della Capitale e dei Comuni castellani dal 1994. Durante questi 25 anni di attività la Delegazione ha dato vita a circa 60 corsi per sommelier nelle varie sedi distribuite su Roma, Velletri, Marino e Anzio e attualmente vanta circa 400 soci con una crescita costante negli ultimi due anni. Dal 2018 ha rinnovato le proprie cariche sociali e vede ora Angela Maglione ricoprire il ruolo di Delegato. Oltre ai corsi di formazione, la Delegazione è impegnata in un fitto calendario di degustazioni ed eventi che vedranno nel 2019 un’ulteriore spinta in occasione della ricorrenza dei 25 anni dalla fondazione.

www.fisar-roma.it 

———————————————————————

FISAR, dal 1972 una voce autorevole nel mondo del vino

La FISAR – Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori – fondata nel 1972 in Toscana, è una delle voci autonome e più autorevoli del mondo del vino italiano. È attiva, in modo capillare, sul territorio attraverso una fitta rete di oltre 60 Delegazioni autonome, che raccolgono oltre 11.000 associati. Da quasi 50 anni propone ai propri Soci un percorso di formazione completo e una serie di eventi, nazionali e locali, che riguardano tutti gli aspetti e i settori del mondo vino, dalla produzione alla degustazione, dal servizio all’abbinamento con il cibo.

FISAR offre un programma formativo esaustivo, costantemente aggiornato in termini scientifici, normativi e tecnologici, che consente ai sommelier diplomati di essere validi partner di aziende e istituzioni per lo sviluppo e la comunicazione del settore enologico e della sommellerie.

Durante il 2018 la Federazione ha introdotto il voto elettronico con il quale i singoli Associati hanno potuto partecipare all’elezione diretta, a fine ottobre, per il rinnovo delle cariche sociali: «Il nuovo Consiglio Nazionale della Fisar – ha affermato il Presidente Luigi Terzago – lavorerà con determinazione, passione e umiltà portando avanti i valori dell’associazionismo come l’aggregazione e il coinvolgimento. Il nostro primo intento è la valorizzazione delle risorse interne alla Fisar, ossia gli Associati. Da qui ripartiremo per concretizzare diversi punti che ci stanno a cuore, dall’Albo Nazionale dei Sommelier fino ad arrivare alla creazione di uno Sportello Fisar per il Lavoro. La Fisar – continua il Presidente – è un’Associazione che divulga la cultura enologica e gastronomica, forma sommelier. Molti di questi ragazzi, superato l’esame di terzo livello, esprimono chiaramente il desiderio di lavorare nel settore e noi vogliamo aiutarli nella realizzazione dei loro sogni».

Dal primo gennaio 2019 il nuovo Presidente Nazionale è Luigi Terzago, supportato dalla Giunta Esecutiva composta da Filippo Franchini (Vice Presidente Nazionale), Gianni Longoni (Tesoriere), Massimo Marchi (Segretario Nazionale), Carlo Iacone (Quinto membro di Giunta) e dai Consiglieri Nazionali: Fabio Baroncini, Graziella Cescon, Roberto Donadini, Vincenzo Fragomeni, Massimiliano Loca, Patrizia Loiola, Alice Lupi, Laura Maggi, Lorenzo Sieni e Valerio Sisti.

Nel 2015, insieme alle maggiori Associazioni italiane del settore vino, la Fisar ha dato vita a CoNVI, la Consulta Nazionale del Vino Italiano cui oggi partecipano 17 Associazioni nazionali.

Dal 2014 FISAR è partner di Slow Food con cui collabora attivamente attraverso i propri Sommelier impegnati nelle degustazioni e nella realizzazione della Guida Slow Wine. Dal 2011 ha reso operativo il progetto Fisar in Rosa, promosso dal Consiglio Nazionale per valorizzare e promuovere la figura della donna sommelier e il ruolo delle donne nel vasto mondo del vino.

www.fisar.com

 

 

CONSEGNA DEI DIPLOMI ALLA PRESENZA DEL CONSIGLIO NAZIONALE FISAR

SERATA DI GALA

Sabato 12 gennaio 2019

TENUTA DI FIORANO

Via di Fioranello, 19 – Roma

 

Cari soci e soprattutto cari neo-sommelier,

con grande soddisfazione vi informo che il nuovo Consiglio Nazionale FISAR – eletto nelle consultazioni di fine ottobre – ha scelto la nostra città e la nostra Delegazione per la sua riunione di insediamento. Si tratta di una novità assoluta, tesa ad avvicinare la Fisar Nazionale al territorio, ai soci e a tutte le Delegazioni.

Per rendere più stretto questo rapporto e avere la possibilità di far consegnare i diplomi ai neo-sommelier direttamente dal nuovo Presidente Luigi Terzago, abbiamo pensato di raccogliere in un evento unico tutti i corsi conclusi a fine 2018, mettendo a punto una serata speciale, per certi versi irripetibile, nella splendida Tenuta di Fiorano del Principe Alessandrojacopo Boncompagni Ludovisi.

Una cena di gala durante la quale incontrare il nuovo Presidente e l’intero Consiglio Nazionale, festeggiare i neo-sommelier e godere di preparazioni gastronomiche e vini di grande spessore.

Il menu sarà curato da Iside De Cesare, chef e creatrice insieme al marito Romano Gordini del ristorante “La Parolina” di Trevinano (Acquapendente – Viterbo) che vanta 1 Stella Michelin. In abbinamento ci saranno i vini della Tenuta di Fiorano e altre due eccellenze della nostra Regione.

Abbiamo lavorato tanto alla serata in questi giorni di festa, per curare i dettagli e per mantenere accessibile a tutti l’evento. Speriamo di esserci riusciti e vedervi in tantissimi all’appuntamento, invitandovi a prenotare subito il vostro posto. Anche perché vi possiamo assicurare che le sorprese non mancheranno!

Una raccomandazione: vista l’importanza dell’evento, eventuali rinunce alla prenotazione saranno ammesse solo entro 48 ore dalla serata, oltre questo termine per eventuali defezioni dovrà comunque essere corrisposta l’intera quota di partecipazione.

Di seguito trovate i dettagli della serata e per le prenotazioni, il menu della cena con i vini in abbinamento e, infine, le informazioni per raggiungere la Tenuta.

Vi aspettiamo!

La Delegata e il Consiglio di Delegazione

PROGRAMMA

Ore 19:30 – Ritrovo alla Tenuta di Fiorano con mezzi propri / Aperitivo

Ore 20:00 – Consegna Diplomi e dei Tastevin ai neo-sommelier e foto ricordo

Ore 20:45 – Cena

——————————

MENU a cura di Iside De Cesare

Ristorante “La Parolina” – 1 Stella Michelin

APERITIVO

Tartare di manzo con maionese di nocciole – Caviale di Onano – Cacio e pepe soffiato – Paninetto al finocchieto con porchetta di Ariccia – Gelato di ceci di Valentano e olio della Tenuta

IN ABBINAMENTO

   – Kius Brut (Marco Carpineti) 

   – Fioranello bianco

 

PRIMO

Ravioli di erbe di campo, burro di malga, ristretto di salvia e Parmigiano affumicato

IN ABBINAMENTO

   – Fiorano Bianco

 

SECONDO

Civet di agnello della Tuscia 

IN ABBINAMENTO

   – Fioranello Rosso

 

DOLCE

Rocher “La Parolina” con nocciola dei Cimini e frutti rossi

   IN ABBINAMENTO

   – Rosathea (Castel de Paolis)

——————————

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

quando / SABATO 12 GENNAIO DALLE ORE 19:30

dove / TENUTA DI FIORANO – Via di Fioranello, 19 – ROMA

costo / 65 EURO SOCI FISAR ROMA E LORO ACCOMPAGNATORI

prenotazione obbligatoria / ENTRO mercoledì 9 gennaio VIA MAIL A prenotazioni@fisar-roma.it

Il nuovo corso della FISAR inizia dalla Capitale, la Delegazione di Roma e Castelli Romani ospita il primo Consiglio Nazionale dopo le elezioni

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin
Sabato 12 e domenica 13 gennaio la FISAR vivrà un passaggio fondamentale della sua evoluzione, si terrà infatti la prima riunione del Consiglio Nazionale eletto a fine ottobre, presieduto dal nuovo presidente Luigi Terzago. Ma le novità non finiscono qui, tenendo fede a quanto promesso, il nuovo presidente ha infatti iniziato il processo di avvicinamento della FISAR Nazionale alle Delegazioni, scegliendo proprio la Capitale come prima tappa. La Delegazione Autonoma Fisar Roma e Castelli Romani sarà quindi la prima ad ospitare una riunione del Consiglio Nazionale, una responsabilità che ci riempie di orgoglio e ci ha attivato al massimo per rendere l’appuntamento il più bello e propositivo possibile.
In particolare, la nostra Delegazione ha organizzato una CONSEGNA DEI DIPLOMI ALLA PRESENZA DEL CONSIGLIO NAZIONALE con una serata di gala che si terrà sabato 12 gennaio 2019 nella splendida TENUTA DI FIORANO in via di Fioranello 19 a Roma. Tutte le informazioni sono reperibili nella newsletter inviata ai soci e consultabile qui.
La cena sarà curata dalla chef stellata Iside De Cesare del ristorante “La Parolina” di Trevinano e vedrà la presenza, oltre che del Consiglio Nazionale FISAR al completo, anche di alcuni produttori di eccellenza del Lazio, a cominciare dallo stesso Principe Alessandrojacopo Boncompagni Ludovisi proprietario della Tenuta di Fiorano. Oltre al momento della consegna dei diplomi, occasione più unica che rara per i neo-commelier quella di ricevere il tastevin dal Presidente Nazionale e al cospetto dei vertici nazionali, ci saranno poi alcune sorprese e soprattutto momenti di confronto, di dialogo e di conoscenza, nonché inconsuete possibilità di approfondimento del ruolo di ciascun associato all’interno di Fisar.
Speriamo quindi in una presenza massiccia di neo-diplomati e anche di tutti gli altri, al fine di rendere davvero stellare questa serata alla quale il Consiglio di Delegazione sta lavorando alacremente durante questi giorni di festa.
Vi aspettiamo tutti il 12 gennaio alla Tenuta di Fiorano!
PROGRAMMA
Ore 19:30 – Ritrovo alla Tenuta di Fiorano con mezzi propri / Aperitivo
Ore 20:00 – Consegna Diplomi e dei Tastevin ai neo-sommelier e foto ricordo
Ore 20:45 – Cena
——————————
MENU a cura di Iside De Cesare
Ristorante “La Parolina” di Trevinano – 1 Stella Michelin
APERITIVO
Tartare di manzo con maionese di nocciole – Caviale di Onano – Cacio e pepe soffiato – Paninetto al finocchieto con porchetta di Ariccia – Gelato di ceci di Valentano e olio della Tenuta
   IN ABBINAMENTO
   – Kius Brut 2015 (Marco Carpineti)
   – Fioranello Bianco 2017 (Tenuta di Fiorano)
PRIMO
Ravioli di erbe di campo, burro di malga, ristretto di salvia e Parmigiano affumicato
   IN ABBINAMENTO
   – Fiorano Bianco 2016 (Tenuta di Fiorano)
SECONDO
Civet di agnello della Tuscia
   IN ABBINAMENTO
   – Fioranello Rosso 2016 (Tenuta di Fiorano)
DOLCE
Rocher “La Parolina” con nocciola dei Cimini e frutti rossi
   IN ABBINAMENTO
   – Rosathea 2015 (Castel de Paolis)
——————————
MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
quando / SABATO 12 GENNAIO DALLE ORE 19:30
dove / TENUTA DI FIORANO – Via di Fioranello, 19 – ROMA
costo / 65 EURO SOCI FISAR ROMA E LORO ACCOMPAGNATORI
prenotazione obbligatoria / ENTRO mercoledì 9 gennaio VIA MAIL A prenotazioni@fisar-roma.it

Cena di Natale 2018!

VITA ASSOCIATIVA

CENA DI NATALE 2018

Venerdì 21 dicembre

Ristorante LA PERLA di Castel Gandolfo

(via Spiaggia del Lago, 6)

 

Cari soci,

le festività natalizie si stanno ormai avvicinando e vorremmo poter scambiare gli auguri con tutti (o quasi) voi in un momento di pura convivialità, nel quale regni l’associazionismo e la voglia di stare insieme.

Per questo, dopo una rincorsa continua tra nuovi corsi in partenza ed esami di terzo livello, ci sembrava giusto organizzare una cena durante la quale scambiarci gli auguri, fare un piccolo consuntivo dell’anno che va a concludersi e – per quanto possibile – aggiornarvi sui progetti per il 2019. Ovviamente sarà anche l’occasione per raccogliere da voi suggerimenti, critiche costruttive, indicazioni utili e quant’altro vorrete condividere con il Consiglio di Delegazione o, magari, con tutti i soci.

L’intento, come detto, è di vivere la Delegazione come un bene comune. Per questo il costo della serata per i soci sarà sostenuto in parte dalla Delegazione stessa, sperando in una grande partecipazione. Rispetto ai 40 euro previsti (che rimarranno tali per i NON tesserati), grazie all’intervento della Delegazione il costo della cena per i soci Fisar Roma e Castelli Romani sarà solo di 30 euro.

Vi consigliamo di non perdere l’occasione, sia per la splendida compagnia sia per la bellezza del ristorante vista lago. Di seguito il menu e le modalità di partecipazione (prenotazione obbligatoria via mail scrivendo a prenotazioni@fisar-roma.it).

Vi aspettiamo!

Il Consiglio di Delegazione

 

 

MENU

La nostra insalata di mare con il Salmone marinato e il Pesce Spada con il melograno

Panzanella di mare

Zuppetta di ceci e polpo

Polenta di mare con i gamberi

Soutè di cozze

Ciuffi di calamari con pomodoro e basilico

Bruschetta e focaccia cotta a legna.

/

Tagliolini all’uovo con frutti di mare allo scoglio

/

Fritto misto di gamberi e calamari

/

Insalata mista

/

Sorbetto al Limone

/

Panettone e Pandoro

 

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

quando / VENERDÌ 21 DICEMBRE DALLE ORE 20

dove / RISTORANTE “LA PERLA”, VIA SPIAGGIA DEL LAGO, 6 – CASTEL GANDOLFO

costo / 30 EURO SOCI FISAR, 40 GLI OSPITI

prenotazione obbligatoria / ENTRO IL 18 DICEMBRE VIA MAIL A prenotazioni@fisar-roma.it

Masterclass sul Morellino di Scansano: Grandi annate e una guida d’eccezione

Grande serata di degustazione organizzata insieme al Consorzio Tutela Morellino di Scansano DOCG. La Masterclass vedrà in degustazione alcune Riserve di grande pregio e sarà guidata dal Direttore del Consorzio  Alessio Durazzi e da Paolo Pietromarchi, enologo e relatore Fisar.

Questi i vini in degustazione:
Poggio al Lupo Morellino di Scasano DOCG MDS 2017
Fattoria di Magliano Morellino di Scasano DOCG Heba 2016
Fattoria San Felo Morellino di Scasano DOCG Lampo 2016
Doga delle Clavule Morellino di Scasano DOCG MDS 2016
La Selva Morellino di Scansano DOCG Riserva Colli dell’Uccellina 2015
Morisfarms Morellino di Scansano DOCG Riserva Moris 2015
Col di Bacche Morellino di Scansano DOCG Riserva Rovente 2014
Roccapesta Morellino di Scansano DOCG Riserva Calestaia 2007