Le stagioni della vite si conclude con la festa della vendemmia

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

Grande e degna conclusione per l’iniziativa “Le stagioni della vite” che ha visto coinvolta la Delegazione di Roma e Castelli Romani in alcuni incontri di approfondimento presso l’istituto di ricerca del Crea di Velletri (già Cantina Sperimentale e Regio Vivaio), dotato anche di un vigneto didattico oltre che di laboratori e una cantina completamente attrezzata. Sabato 19 settembre i sommelier in visita alla struttura, guidati come sempre dal prof. Paolo Pietromarchi (responsabile dei corsi di Velletri e Anzio nonché enologo ricercatore presso il Crea appunto), hanno quindi potuto approfondire le tematiche della maturità dell’uva, dalle attenzioni alle analisi tecniche a quelle rientranti nella parte sensoriale e organolettica. Quasi mai, infatti, ci si basa solo sulla misurazione dei parametri fondamentali (zuccheri, acidità ecc.) per decidere il momento giusto per vendemmiare. Rimane infatti fondamentale la sensibilità dell’uomo, produttore e/o enologo che sia, in funzione dell’idea di vino che si vuole raggiungere. La giornata iniziata in vigneto è quindi proseguita nei laboratori e poi nella cantina dell’istituto sperimentale di Velletri, dove tra l’altro è stato selezionato uno dei lieviti più importanti per le vinificazioni in zone fredde (attualmente commercializzato da un’azienda leader del settore con tanto di attribuzione della provenienza). I sommelier hanno quindi potuto affrontare, in piccolo, il lavoro del cantiniere schiacciando le uve e discutendo dell’uso dei lieviti così come della solforosa e di tanti altri aspetti meno conosciuti, questioni prettamente tecniche che hanno però importanti ricadute anche sulla fase degustativa. Conoscenze che, in realtà, possono fare la differenza per un sommelier, chiamato a confrontarsi con un pubblico sempre più esigente e preparato.

Svolta l’attività più importante, con grande soddisfazione di tutti i presenti, si è data conclusione alla giornata con la consegna dei diplomi di partecipazione, da parte della responsabile dell’istituto di ricerca di Velletri dottoressa Francesca Cecchini, e con un pranzo a cura dell’associazione Amici di Ratatouille di Roberto Dominizi nello splendido giardino botanico adiacente il vigneto didattico. Qui la sede Fisar di Velletri ha messo a disposizione i vini di alcune delle realtà emergenti dell’enologia locale (Di Palma Riccardo, Le Quattro Vasche, Marco Serra, Veliterna Vini) invogliando i colleghi romani ad approfondire queste nuove produzioni, orientate alla qualità e gestite quasi tutte dalle nuove generazioni.

“Siamo felici di aver ospitato queste occasioni di approfondimento – ha commentato la Cecchini – e speriamo di aver offerto spunti importanti per l’aumento delle conoscenze di ognuno dei presenti. Visto il successo di questa prima occasione, speriamo infine di poter contare su una seconda edizione l’anno prossimo”.

Perché diventare sommelier?

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

Perché diventare ‪#‎sommelier‬?

Riconoscerai la qualità… E la apprezzerai.
Ripasserai un po’ di geografia… Ma sarà divertente.
Troverai nuovi amici… E diventeranno compagni di bevute (ma con giudizio).
Ti si apriranno nuovi orizzonti lavorativi… Che tu sia in cerca di un nuovo lavoro o di un’entrata aggiuntiva.

Se ti abbiamo un po’ stuzzicato segnati queste date per l’inizio dei corsi di Primo Livello a ‪#‎Roma‬:

– 21 ottobre (Hotel Borromini Roma)
– 3 novembre (Sheraton Roma Hotel & Conference Center)

Per informazioni e iscrizioni potete scrivere a info@sommeliers.it o visitare la pagina Facebook della Fisar Roma.

 

Questo autunno anche ai Castelli Romani e ad Anzio potrai dare una svolta alle tue passioni con il percorso per diventare ‪#‎sommelier‬!

Ti aspettiamo con i corsi di Primo Livello a

‪#‎Velletri‬ con inizio il 30 settembre (Sede Crea-Enc – Cantina Sperimentale)

‪#‎Anzio‬ con inizio il 20 ottobre (Albergo Lido Garda)

Per informazioni e prenotazioni potete scrivere a corsopersommelier@gmail.com o chiamare il 339.8737045

Calici di Stelle a Velletri, successo Fisar

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

L’appuntamento con Calici di Stelle si è ripetuto a Velletri sabato 8 agosto, una decima edizione in città firmata dal successo della presenza della FISAR che ha accompagnato le degustazioni dei vini delle sette aziende presenti. Si è trattato a tutti gli effetti della prima uscita di gruppo per i sommelier formatisi interamente a Velletri, con i corsi tenuti nella struttura del CRA-ENC (ex Cantina Sperimentale), ed è stata fonte di emozioni per tutti ma soprattutto con un bilancio complessivo di sicuro successo. La presenza della FISAR ha aggiunto un tocco di professionalità al servizio ma anche al racconto dei vini stessi, così come testimoniato dalle molte persone che hanno approfondito la conoscenza di quanto in degustazione. Una crescita che è piaciuta alle stesse aziende, che non hanno mancato di complimentarsi con i responsabili della FISAR di Velletri così come gli organizzatori, da Mauro Leoni della Confesercenti all’assessore alla Cultura del Comune di Velletri, Ilaria Usai, e a quello all’Agricoltura Orlando Pocci.
La serata, partita leggermente in ritardo a causa del forte vento che nel pomeriggio non aveva permesso di completare l’allestimento in particolare della parte gastronomica (curata dall’associazione Amici di Ratatouille diretta dallo chef, e sommelier FISAR, Roberto Dominizi), è proseguita alla perfezione sotto i portici del palazzo comunale in piazza Cesare Ottaviano Augusto ben oltre la mezzanotte. Non sono mancate le attrazioni anche per chi ha preferito non degustare vino con la musica di Marité e le osservazioni astronomiche e le visite ai Musei cittadini. Aperto anche il famoso Tempietto del Sangue, che era così possibile ammirare in tutta la sua bellezza.
In degustazione 25 vini di sette aziende, tutte del territorio, da quelle di più ampie dimensioni come Casale del Giglio o Veliterna Vini, a quelle più piccole, come Azienda Agricola Marco Serra o Azienda Agricola Di Palma Riccardo, insieme a realtà già conosciute come Colle delle Cese, Donato Giangirolami e Le quattro vasche. Con un ticket di 10 euro gli appassionati hanno così potuto godere dei vini e di un assaggio gastronomico da abbinare, grazie ai consigli dei sommelier FISAR, ai vini stessi per un’esperienza sensoriale di un certo livello.
La Fisar continuerà il suo compito di formazione a Velletri con i corsi per diventare sommelier (il prossimo di primo livello partirà il 30 settembre, per info e prenotazioni ci si può rivolgere ai recapiti corsopersommelier@gmail.com – 3398737045 o sulla pagina Facebook) ma anche di spinta per la realizzazione di un gruppo di esperti che conoscano e apprezzino i vini del territorio per parlarne poi all’esterno, da appassionati o da operatori in ristoranti, enoteche e alberghi.

Progetta la Tessera Fisar e vinci il Congresso Nazionale

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

(Dal Nazionale)

Per FISAR il coinvolgimento dei propri Soci nelle attività dell’Associazione è una priorità sempre più presente ed importante, per questo motivo abbiamo deciso di affidare la creazione della nuova Tessera Fisar del 2016 alla vostra Passione e Creatività. Ci siamo chiesti “Chi meglio dei nostri Soci può rappresentare la FISAR?” E’ bastato chiederselo una sola volta per capire che si trattava di una domanda retorica di cui tutti già conoscevamo la risposta: nessuno!

Così è nato questo concorso, un modo di coinvolgervi tutti e rendervi creatori del bigliettino da visita più importante per la nostra Associazione: La Tessera Socio che accompagnerà tutti noi per tutto il prossimo anno, augurandoci che questa sia la prima edizione di un duraturo concorso dove sarà il Socio ogni anno a rappresentare tutti noi.

Tutti i dettagli per la partecipazione e la progettazione sono già disponibili nel Fisar Cloud dove la cartella “Concorso Progetta la tessera Fisar” racchiude tutto l’occorrente per poter partecipare (bando di concorso, loghi, modulo di partecipazione, istruzioni ecc)

Date sfogo alla vostra Fantasia e liberate la vostra creatività, potete presentare più progetti ed esprimere voi stessi. Una giuria valuterà tutte le proposte pervenute entro il 10 settembre 2015 e il vincitore sarà ospite Fisar per tutto il Congresso Nazionale che si terrà a Milano in occasione di EXPO il 17 e 18 Ottobre 2015

Concorso Sommelier FISAR 2015 Italia Centro

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

Il giorno 20 Giugno 2015 si sono svolte le Selezioni del Concorso Sommelier dell’Anno 2015 Italia Centro. L’iniziativa  si è svolta presso l’Hotel Semifonte, Barberino Val D’Elsa.

L’evento egregiamente organizzato dalla Delegazione di Siena Valdelsa, ha avuto un ottimo successo, si sono candidati alla competizione  sommelier provenienti dalle varie Delegazioni, facenti parte del Coordinamento Italia Centro.

La giuria, presieduta dal Sig. Giampaolo Zuliani, era  composta dal Consigliere Nazionale Massimo Marchi, Filippo FranchiniFrancesco Villa  e dal Coordinatore Portavoce Fabio Baroncini.

E’ risultato vincitore della Selezione il Sommelier  Piero D’Acunto  della Delegazione di Roma, mentre si sono qualificati per la selezione nazionale, che si svolgerà nel prossimo Autunno, i Sommelier  Simone Bartoli della Delegazione di Pistoia e Roselli Riccardo della Delegazione di Roma . Al vincitore e ai due qualificati, la Delegazione Siena Valdelsa ha provveduto ad offrire una fornitura di esemplari bottiglie di vino pregiato,  rappresentative del territorio.

Alla fine della manifestazione si è svolto un pranzo conviviale, presso il Ristorante dell’Hotel Semifonte, a base di piatti locali.

(Notizia inviata dal Coordinamento FISAR Italia Centro)

Incontri in vigna a Velletri

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

Un pullman da Roma e tutto il gruppo dei neo-diplomati a Velletri per un totale di circa 40 sommelier che hanno partecipato, sabato 21 febbraio, ad un appuntamento di verifica e approfondimento delle nozioni sulla potatura e la manutenzione del vigneto.
Sede, ovviamente, la bellissima struttura del CRA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria) di via della Cantina Sperimentale a Velletri, ovvero l’Unità di ricerca per le produzioni enologiche dell’Italia centrale diretta da Francesca Cecchini, che ha fatto gli onori di casa accogliendo tutti i partecipanti in questo luogo storico, già “regio vivaio” e poi “cantina sperimentale” appunto. La parola è poi passata a Paolo Pietromarchi, docente FISAR e ricercatore CRA, per il quadro teorico sulla potatura invernale, sulle tipologie di impianto e sui sistemi di manutenzione del vigneto. La parte successiva, direttamente in vigna per visitare le forme di allevamento del vigneto didattico e per assistere ad alcuni esempi di potatura, è stata gestita invece da Giorgio Colatosti, consulente presso diverse aziende in Italia e all’estero. Interessante per tutti i presenti anche la visita alla “banca dati” del CRA, con il vigneto dove si conserva il germoplasma di tutti i vitigni autoctoni dell’Italia Centrale, un bene prezioso che anche nella stessa Velletri forse in pochi conoscono.
La passeggiata e l’esperienza sul campo, viste anche le condizioni atmosferiche piuttosto rigide, hanno messo una gran fame a tutti i presenti, che si sono poi diretti verso l’azienda vinicola Le Rose – all’incrocio dei territori di Velletri, Genzano e Lanuvio – per una visita alla cantina e il pranzo a cura dell’Associazione Amici di Ratatouille.
Giornata intensa e ricca di spunti, che rimette Velletri e la splendida struttura del CRA al centro dell’attenzione della FISAR.

Consegna diplomi ai primi sommelier di Velletri

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinFacebooktwitterredditpinterestlinkedin

Serata di festa ufficiale per i diplomi dei primi sommelier Fisar formati a Velletri, il responsabile della Delegazione di Roma e Castelli Romani, Filippo Terenzi, ha quindi accolto nella Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori quasi venti nuovi professionisti che d’ora in poi potranno fare della propria passione anche un lavoro tramite le degustazioni, gli eventi, gli impegni in ristoranti e alberghi, con la cultura e le conoscenze adatte a diffondere il valore dell’enologia nazionale e internazionale. Per tutti, oltre al diploma, anche un taste-vin, simbolo da sempre della sommellerie a livello internazionale e ricordo di un percorso che tuttavia non è concluso e potrà essere perfezionato con corsi specifici, o attraverso la partecipazione ad eventi di degustazione come quelli organizzati regolarmente dalla Fisar a Roma e nelle sedi periferiche come quella del CRA-ENC di Velletri (ex Cantina Sperimentale).
La cena di consegna dei diplomi, tenutasi presso il ristorante Casale della Regina, è stata comunque soprattutto una festa visto lo spirito che ha unito questa prima classe di sommelier formatisi a Velletri, un gruppo composto da persone che hanno interpretato al meglio anche l’aspetto socializzante del vino e del buon cibo con appuntamenti regolari al di fuori delle lezioni stabilite.
A fine serata un ringraziamento particolare è andato a Paolo Pietromarchi, responsabile per la Fisar dei Castelli Romani, e un saluto è stato inviato ad Antonio Mazzitelli, tra i docenti più assidui a Velletri, che non è potuto intervenire alla consegna dei diplomi. Ovviamente la cena è stata organizzata anche per accompagnare quelle conoscenze acquisite con i tre livelli di formazione, abbinando perciò le pietanze con i vini proposti dal sommelier Roberto Morelli di Benito al Bosco.
Non si ferma comunque qui il lavoro della Fisar a Velletri, territorio che potrà beneficiare di questi nuovi professionisti che saranno anche ambasciatori delle produzioni locali se le aziende lavoreranno per renderli partecipi e vicini alle loro scelte, visto che è in partenza un nuovo corso di primo livello al quale ci si può iscrivere tramite la mail corsopersommelier@gmail.com o chiamando Paolo Pietromarchi al 339 8737045.
Venerdì 30 gennaio si sono quindi diplomati sommelier professionisti Vittorio Bagaglini, Tania Cesaroni, Fabio Ciarla, Gianni Ciavardini, Roberto Dominizi, Giuseppe Duci, Sabrina Fiacchi, Marco Guidi, Angela Maglione, Matteo Mele, Ernesto Mellone, Francesco Montecuollo, Andrea Palma, Antonella Palumbo, Angelo Paolicelli, Rina Pennacchini, Roberto Pollari e Giuseppe Rori. Manca ancora un piccolo passo invece a Gabriele Gasbarri, Ilse Just, Francesca Marinelli, Eduart Pashuku e Maria Cecilia Serra che hanno intanto ricevuto l’attestato di partecipazione al corso di terzo livello.