Diventa sommelier con la Fisar, tra ottobre e novembre corsi in partenza a Roma (Eur e Parioli) e Velletri

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin
Ricomincia l’attività formativa della Delegazione Autonoma di Roma e Castelli Romani, venerdì 21 settembre serata di inaugurazione dei corsi 2018-2019 con apericena all’Hotel Villa Eur

 

Dai un senso alla tua passione” è uno degli slogan più attuali dell’attività formativa della FISAR (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori), un impegno che la Delegazione Autonoma “Roma e Castelli Romani” sta programmando con tre nuovi corsi di Primo Livello tra ottobre e novembre a Roma in zona Eur e in zona Parioli, e poi a Velletri. Tra fine anno e inizio 2019 sono previsti poi corsi nelle sedi di Anzio e Marino, ma potrebbero esserci anche altre sorprese visto che la richiesta è tanta e il territorio così vasto che merita più punti di contatto, per qualsiasi informazione si può scrivere a info@fisar-roma.it o visitare il sito www.fisar-roma.it. Intanto venerdì 21 settembre si terrà una serata di inaugurazione dell’anno formativo 2018-2019 nella nuova sede attivata in zona EUR.

Tornando ai corsi di Primo Livello già pronti, il via ci sarà lunedì 1 ottobre presso l’Hotel Villa Eur (Piazzale Marcellino Champagnat, 2), poi giovedì 11 ottobre sarà la volta della sede storica di Velletri (CREA Viticoltura Enologia – via Cantina Sperimentale, 1) mentre mercoledì 28 novembre ripartirà il corso all’Hotel Polo (Piazza Bartolomeo Gastaldi, 4 – Parioli).

Diventare sommelier Fisar è la conclusione di un percorso fatto di passione, ma anche un modo per attivare diverse opportunità lavorative. Il corso è aperto a tutti, l’aspirante sommelier viene infatti guidato dapprima nella conoscenza delle tecniche e delle lavorazioni del vino (ma anche della Birra e dei Distillati) nel Primo Livello, nel Secondo affronta i vitigni e le varie regioni di produzione in Italia e nel resto del mondo, infine al Terzo Livello impara ad abbinare vino e cibo. Il tutto con l’accompagnamento di alcune figure di riferimento formate e certificate da appositi esami interni alla Fisar. Innanzitutto il Direttore di Corso, che segue i corsisti passo passo dall’inizio alla fine della formazione ed è il soggetto di riferimento per qualsiasi questione didattica o burocratica, poi i Relatori che invece cambiano di lezione in lezione (essendo autorizzati ad insegnare solo alcune materie e previo esame di abilitazione), infine il Delegato che – in quanto responsabile unico delle attività Fisar della Delegazione – è sempre a disposizione per qualsiasi chiarimento. Il tutto nell’inquadramento nazionale FISAR, con i Coordinamenti territoriali (Roma e Castelli Romani naturalmente è in quello del Centro Italia), la Giunta e il Presidente Nazionali.

Ma in cosa consiste il corso? In una dozzina di lezioni e alcune “uscite” per ogni livello, le lezioni si tengono sempre lo stesso giorno della settimana con orario 20-22 e sono composte da due parti distinte: la prima è dedicata alla classica didattica frontale mentre la seconda è orientata alla pratica di degustazione. Fin dal primo incontro i corsisti avranno modo di degustare vini (ma anche Birre e Distillati) affinando e mettendo così alla prova le proprie capacità sensoriali. Un’attività che ha solo bisogno di essere allenata e guidata secondo parametri scientifici e didattici, rodati ormai da oltre 40 anni di attività a livello nazionale e da 25 a livello locale. Con l’iscrizione i corsisti riceveranno anche il materiale didattico per la parte teorica (libri, schede di degustazioni, matite, penne ecc.) e per la parte pratica (valigetta porta bicchieri, 4 calici da degustazione Rastal Vinum, cavatappi ecc.) ma – diventando soci FISAR a tutti gli effetti – avranno anche accesso ad una serie di ulteriori vantaggi: rivista trimestrale “Il Sommelier”, Guida Slowine (Fisar è partner di Slow Food), sconti per gli ingressi alle principali manifestazioni enologiche nazionali (Vinitaly ecc.), sconti presso le attività convenzionate sul territorio (Enoteche Rocchi, Bomprezzi e Baranci a Roma; Enoteche “Ivo’s Bar” e “Decanter” a Velletri ecc.).

Le attività della Fisar Roma e Castelli Romani non si concentrano solo sui Primi Livelli, sono infatti in partenza anche i Terzi Livelli di Roma (Villa Eur 11/09 – Polo 12/09), Marino (Gotto d’Oro 24/09) e Velletri (26/09), nonché il Secondo Livello di Anzio (Hotel Lido Garda 2/10). Non mancheranno poi le degustazioni guidate, vere serate di approfondimento su territori, vitigni e aziende con ospiti importanti e vini di grandissimo pregio, il cui calendario sarà diffuso a breve.

Qualsiasi informazione può essere richiesta inviando una mail info@fisar-roma.it o visitando il sito www.fisar-roma.it mentre per i corsi si può anche chiamare direttamente il 3398737045.

Fisar Roma e Castelli Romani porta nella Capitale la sfida del Rosato Autoctono Italiano (Comunicato stampa)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Venerdì 8 giugno allo Sheraton Rome Hotel grandi numeri per la degustazione organizzata dai sommelier romani con la guida del giornalista Angelo Peretti, tra i massimi esperti di rosati in Italia

Roma, 12 giugno 2018 – Un viaggio da nord a sud Italia alla ricerca dei migliori vini rosati, selezionati però in virtù di tradizione e vitigni autoctoni. Questo il perno della serata “Rosato Autoctono Italiano”, organizzata dalla Delegazione Fisar Roma e Castelli Romani lo scorso venerdì 8 giugno allo Sheraton Roma Hotel, prima uscita pubblica del nuovo Consiglio di Delegazione eletto ad aprile.

Che il rosato sia un vino “minore” lo pensano in molti, sicuramente però non la vedono così gli oltre 70 iscritti alla degustazione, arricchita da una guida d’eccezione come Angelo Peretti, giornalista tra i massimi esperti di vini rosati in Italia (www.internetgourmet.it) e consulente del Consorzio di Tutela Chiaretto e Bardolino.

Il rosato, quando fatto bene e frutto di una tradizione, è un vino di pari dignità rispetto ai bianchi e ai rossi. Un fatto poco avvertito dal mercato italiano, nel quale solo il 6% dei consumatori beve regolarmente vini rosati contro il 34% dei francesi, eppure l’Italia è il quarto Paese produttore di questa tipologia. Una anomalia incredibile se pensiamo, tra l’altro, ai numerosi eventi dedicati a questa tipologia, il prossimo 3 luglio a Roma ci sarà BereRosa 2018 organizzato da Cucina&Vini ma anche la Delegazione Fisar di Manziana organizza ogni anno “Rose… Rosati & Rosé” a metà maggio a Bracciano (e infatti tra i graditi ospiti della serata c’era anche la Delegata Fisar di Manziana Monti Sabatini Silvia Zannetti).

Tradizione e vitigno rappresentano il nocciolo della degustazione organizzata dalla Fisar Roma e Castelli Romani ma anche del Patto di Intenti firmato ad aprile tra Consorzio di Tutela Chiaretto e Bardolino, Consorzio Valtènesi, Consorzio di Tutela Vini d’Abruzzo, Consorzio di Tutela Castel Del Monte e Consorzio di Tutela Vini Dop Salice Salentino. I cinque Consorzi storicamente vocati, e in alcuni casi “dedicati”, ai rosati italiani si sono riuniti per ribaltare l’idea che si ha in Italia di questa tipologia di vino. Un progetto che ha visto la luce allo scorso Vinitaly e che nella serata organizzata dalla Fisar vede la sua prima tappa romana, con al centro vini delle aziende: Poggio delle Grazie, Vigneti Villabella, Torre Zambra, Costantini, Masseria Faraona, Vignuolo, Torrevento, Rivera, Cantina San Donaci e Candido.

Corvina Veronese, Groppello, Montepulciano d’Abruzzo, Bombino Nero, Nero di Troia e Negroamaro i vitigni presentati durante la serata, un modo per ripassare – anche – l’enografia nazionale da parte dei molti iscritti ai corsi per sommelier seduti in sala. Ma soprattutto un viaggio che ha aperto gli occhi ai presenti sulla grande varietà e ricchezza dei rosati italiani, a cominciare dall’assunto – errato –  che i rosati siano tutti uguali!

In questi giorni stanno arrivando a conclusione i corsi della Fisar a Roma (EUR e Parioli), Marino, Velletri e Anzio, in vista di una meritata pausa estiva, ma la Delegazione Roma e Castelli Romani non smetterà di lavorare durante l’estate per gli eventi e la programmazione della nuova stagione, viaggi didattici compresi. Tutto sempre rintracciabile al sito www.fisar-roma.it (per informazioni: info@fisar-roma.it).

Nuovo Primo Livello ad Anzio dal 20 febbraio

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

La Fisar Roma e Castelli Romani torna ad Anzio con un nuovo corso di Primo Livello, sede saranno sempre le sale dell’Hotel Lido Garda in Largo G. Caboto.

Si partirà il prossimo 20 febbraio, le lezioni inizieranno alle 20 per terminare circa due ore dopo, comprendendo come sempre unaprima parte teorica e una finale di degustazione pratica con 3 vini ogni sera.

Il costo del corso è di Euro 400 + 70 per la tessera annuale Fisar, per qualsiasi informazione si può scrivere a corsopersommelier@gmail.com o chiamare il numero 339.8737045.

Chi ha già le idee chiare può iscriversi versando direttamente un anticipo per il corso, fissato in Euro 100, sul conto corrente intestato a DELEGAZIONE AUTONOMA FISAR ROMA E CASTELLI ROMANI – VIALE DEL PATTINAGGIO, 100 – 00144 ROMA
IBAN: IT41L0311103226000000006628
con la causale “Iscrizione corso per sommelier Fisar Delegazione Roma Sede di Anzio – Anticipo di Nome e Cognome“.

NUOVI CORSI di PRIMO LIVELLO e DATE di partenza dei CORSI di SECONDO LIVELLO

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Inverno caldo per la nostra Delegazione, sono infatti in programmazione due nuovi corsi di Primo Livello sul territorio, di seguito le date di inizio e le sedi (in un caso è prevista anche una degustazione prima dell’inizio delle lezioni).

PRIMO LIVELLO

ARICCIA – Cantina Fontana di Papa, Via Nettunense Km. 10,800 – 15 febbraio

ANZIO – Hotel Lido Garda, Largo G. Caboto – 20 febbraio
All’Hotel Lido Garda il 26 gennaio è prevista una degustazione-seminario sull’Amarone della Valpolicella per presentare il corso, sulla pagina Facebook trovate tutti i dettagli

Il costo del corso è di Euro 400 + 70 per la tessera annuale Fisar.
Gli interessati possono iscriversi versando direttamente un anticipo per il corso, fissato in Euro 100, sul conto corrente intestato a DELEGAZIONE AUTONOMA FISAR ROMA E CASTELLI ROMANI – VIALE DEL PATTINAGGIO, 100 – 00144 ROMA
IBAN: IT41L0311103226000000006628
con la causale “Iscrizione corso per sommelier Fisar Delegazione Roma Sede di XXXXX (Anzio o Ariccia) – Anticipo di Nome e Cognome“.

Qualsiasi ulteriore informazione può essere richiesta scrivendo a info@fisar-roma.it per la sede di Ariccia o a corsopersommelier@gmail.com per la sede di Anzio.

 

Cogliamo inoltre l’occasione per inserire le date di partenza dei corsi di Secondo Livello.

SECONDO LIVELLO

19 febbario – GOTTO D’ORO (Marino)

21 febbraio – POLO HOTEL (Roma – Parioli)

27 febbraio – SHERATON HOTEL (Roma – EUR)

28 febbraio – AULA MAGNA CREA (Velletri)

 

Ovviamente qualsiasi supporto dei nostri soci per spargere la voce, magari condividendo questo post sui social e/o invitare amici e conoscenti ad iscriversi, è ben gradito!

Pranzo degli auguri di Natale, Fisar Roma in “trasferta” ad Anzio

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin
Anzio è una delle ultime sedi dei corsi per sommelier della Delegazione Fisar Roma e Castelli Romani, ed è stata anche la sede del pranzo per gli auguri di Natale di domenica 17 dicembre. Ad ospitare un nutrito gruppo di fisariani di Roma e dintorni lo storico Ristorante “Il Turcotto”, attivo da oltre 200 anni nei pressi delle Grotte di Nerone.
Ricco e di grande qualità il menu scelto per l’occasione, con il miglior pescato locale a completare un pranzo in cui il pesce ovviamente l’ha fatta da padrone. Crudi e cotti, per gli antipasti che hanno espresso la massima fantasia della cucina della famiglia Garzia, poi paccheri del Turcotto e minestra di sgavaglioni con spaghetti spezzati (un piatto della tradizione di rara prelibatezza). Infine dolci per ogni gusto, il tutto abbinato ad una selezione di vini interessante che non ha disdegnato il locale, come il Kius Bellone Spumante di Marco Carpineti (Cori) e il Frascati Superiore Docg de notari Crio12, poi Barolo Chinato e passiti per i dolci ma certo non è mancata la scelta.
Un’occasione leggera per scambiarsi gli auguri e consolidare quell’atmosfera di collaborazione che fa bene a qualsiasi realtà associativa.
Ma a breve si ricomincia con i corsi e le degustazioni, in particolare quelle romane allo Sheraton Hotel di viale del Pattinaggio con una programmazione che sarà resa nota a breve.
Auguri a tutti per un sereno Natale e un felice 2018 dalla Delegazione Roma e Castelli Romani della FISAR!

Vino e stelle, sommelier Fisar protagonisti a Velletri e Marino

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Torna Calici di Stelle e i sommelier della Delegazione Fisar di Roma e Castelli Romani sono subito protagonisti, in due località – Velletri e Marino – dove tra l’altro a breve partiranno nuovi corsi di primo livello.

Venerdì 4 e sabato 5 agosto i nostri ragazzi sono stati chiamati ad accogliere i visitatori armati di bicchiere e tracollina, richiamati dall’evento organizzato in tutta Italia dal Movimento Turismo del Vino, lungo corso Trieste a Marino. Dalla fontana dei Mori, dove sgorga vino nella famosa Sagra dell’Uva, fino alla Cattedrale di San Barnaba, tutto il caratteristico corso era stato allestito con stand per il vino e alcuni prodotti enogastronomici di alta qualità, un’offerta di ottimo livello apprezzata da tutti i presenti nelle due serate della manifestazione. Sabato 5 spazio anche per l’approfondimento, con un incontro di introduzione alla degustazione e alla conoscenza del vino tenuto dal nostro relatore Fabio Ciarla nella Sala Lepanto.

Sempre sabato 5 il binomio stelle/vino è stato celebrato anche a Velletri, in piazza Mazzini, dove si è radunata una gran folla per degustare i vini delle cantine selezionate e ascoltare musica. Uno spazio recuperato alla fruizione della città, così come era stato per le precedenti location scelte (Portici del Palazzo Comunale, Casa delle Culture).

Un successo la presenza, professionale e appassionata, dei nostri sommelier coordinati dal Capo Servizi Giuseppe Vitale. Una visibilità che ha già portato a nuovi contatti per i corsi di formazione che partiranno (oltre che nella Capitale allo Sheraton Hotel in zona Eur e al Polo Hotel in zona Parioli) il 4 ottobre a Velletri (sede CREA-VE) e il 16 ottobre a Marino (Salotto del Vino, presso Gotto D’Oro). Previsto anche un corso ad Anzio (Hotel GARDA) con inizio il 3 ottobre. Per le informazioni sui corsi fuori Roma si può scrivere a: corsopersommelier@gmail.com

Nuovi corsi per Sommelier, ecco le date del Primo Livello a Roma e dintorni

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin
Come ogni anno, prima di andare in pausa con tutte le attività istituzionali, la Delegazione Fisar Roma e Castelli Romani comunica le date dei nuovi corsi di Primo Livello in partenza tra settembre e ottobre nell’area di competenza.
Ecco quindi di seguito gli appuntamenti da non perdere per chi vuole iniziare questo percorso di conoscenza del mondo del vino in una grande Federazione, pronta ad accogliervi nel migliore dei modi.
Roma città
– Sheraton Hotel (zona EUR) – Inizio corso 24 ottobre
Per motivi tecnici indipendenti dalla nostra volontà siamo costretti a posticipare la data di inizio del corso di Primo Livello allo Sheraton Hotel (zona EUR) a martedì 7 novembre.
Ci scusiamo per il disguido

– Polo Hotel (zona PARIOLI) – Inizio corso 25 ottobre

Per i corsi di Roma si possono chiedere informazioni scrivendo a: info@fisar-roma.it
Fuori Roma
Velletri (sede CREA VE) – Inizio corso 4 ottobre
Anzio (Hotel GARDA) – Inizio corso 3 ottobre
Marino (Salotto del Vino, presso Gotto D’Oro) – Inizio corso 16 ottobre
Per le informazioni sui corsi fuori Roma si può scrivere a: corsopersommelier@gmail.com